Certificazioni
idroconsult è certificata Sincert ISO 9001



EAC

Le acque reflue delle aziende di produzione latticini e formaggi e confezionamento latte

Le acque provenienti dalla lavorazione nelle industrie casearie riguardano: lavaggio impianti (CIP), lavaggio contenitori, lavaggio pavimenti.
Il siero del latte contenente lattosio, proteine e grassi non può essere inviato allo scarico.

Il grado di inquinamento delle acque reflue può essere classificato in due raggruppamenti che sono in funzione del tipo di lavorazione:

a) Produzione latticini, formaggi
La presenza di sostanza organica è elevata ed il BOD5 può raggiungere il valore di 3200 ÷ 3800 mg/ℓ.

b) Confezionamento latte
Le acque inquinate provengono dal lavaggio di circuiti (CIP) a fine ciclo di lavorazione.
Il carico organico è minore ed il BOD5 varia da 700 ÷ 1000 mg/ℓ.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

Gli impianti sono di tipo biologico a doppio stadio ossidativo ed a doppio stadio ossidativo a bioreattore (MBR) per la pos a).
Sono biologici a semplice stadio ossidativo o in versione MBR per la pos b).
Le acque trattate sono idonee per essere convogliate in acque superficiali, nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Fotogallery

zoom

Vista percolatore per caseificio da 500 m/g » Le acque reflue delle aziende di produzione latticini e formaggi e confezionamento latte

Vista percolatore per caseificio da 500 m/g

Vista generale impianto per caseificio da 500 m/g » Le acque reflue delle aziende di produzione latticini e formaggi e confezionamento latte

Vista generale impianto per caseificio da 500 m/g

Vasca di ossidazione impianto » Le acque reflue delle aziende di produzione latticini e formaggi e confezionamento latte

Vasca di ossidazione impianto

Vasca di ossidazione impianto » Le acque reflue delle aziende di produzione latticini e formaggi e confezionamento latte

Vasca di ossidazione impianto